Dune, informazione e pinete: l’Europa salva l’area marina protetta di Torre Cerrano

Show all


Dune, Informazione e Pinete a Torre Cerrano. il progetto Dipinto, e gi il nome ne descrive la vocazione paesaggistica per
riqualificare l’arte della natura. Siamo a Torre del Cerrano, in provincia di Teramo, dove si trova una delle aree naturalistiche
pi suggestive dell’Abbruzzo e dell’Italia intera. La campagna di comunicazione “Europe in my region” della Commissione europea
ha selezionato Dipinto Cerrano tra i migliori sette progetti per comunicare i risvolti delle politiche di coesione in 40 regioni
dell’Unione.
300 mila euro, la met finanziata dal Fondo europeo di Sviluppo Regionale, per riqualificare le dune e le pinete tipiche di
questo ambiente marino. E poi l’istituzione della Biblioteca del mare, museo, luogo di salvaguardia e conoscenza del patrimonio
ambientale italiano. Il mare Adriatico e la sua biodiversit sono i protagonisti degli spazi della Torre che sovrasta l’area
marina protetta.

Dune, informazione e pinete: l’Europa salva l’area marina protetta di Torre Cerrano

Ma il museo si ramifica virtualmente tra le dune e le pinete: diffusi nell’area ci sono dei cartelli con informazioni sulla
fauna, la flora e la storia del luogo, che possono essere approfondite tramite un Qr Code che rimanda alle risorse della Biblioteca
del Mare. Online adesso c’ tutto per conoscere la bellezza e l’importanza di questo patrimonio: schede tecniche, e-book,
articoli scientifici, mappe, foto, progetti e legislazione.
Il progetto Dipinto, oltre a tutelare le delicate dune e le pinete, si pone l’obiettivo di diventare una banca dati vivente
delle bellezze del territorio, ma anche delle tradizioni della marineria. All’interno del programma di sviluppo dell’area
previsto il potenziamento dei servizi turistici, a partire dalle guide locali che gi accolgono le numerose scolaresche
in visita nell’area marina protetta tra i comuni di Silvi Marina e Pineto.

© Riproduzione riservata

commissione europea logo
Progetto realizzato con il contributo finanziario della Commissione europea. Dei contenuti editoriali sono responsabili esclusivamente gli autori e il Gruppo 24 Ore



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *